La Riabilitazione del Pavimento Pelvico

La Riabilitazione del Pavimento Pelvico

La Riabilitazione Pelvica Perineale è l’approccio conservativo di prima scelta nella maggior parte delle forme di incontinenza urinaria sia maschile che femminile, ma trova applicazione anche in altre condizioni uro-ginecologiche, proctologiche ed andrologiche.

Prendersi cura delle disfunzioni pelvi-perineali non solo può portare ad una maggiore presa di coscienza riguardo il rinforzo e la riabilitazione dei muscoli pelvici, ma anche a migliorare la qualità di vita in generale. Mantenere l’integrità e una buona funzionalità del pavimento pelvico aiuta a prevenire e correggere disturbi uro-ginecologici, andrologici ed ano-rettali.

In generale i sintomi che possono verificarsi in caso di indebolimento del pavimento pelvico sono i seguenti:

  • Incontinenza urinaria
  • Disturbo della minzione
  • Prolasso degli organi pelvici
  • Disfunzioni sessuali
  • Dolore al basso ventre
  • Dolore pelvico cronico
  • Disfunzioni ano-rettali
  • Disfunzione del climaterio

Altre situazioni in cui potrebbe essere utile rafforzare questi muscoli volontari sono:

  • Preparazione al parto
  • Post parto
  • Riabilitazione dopo un parto cesareo o altri interventi di chirurgia ginecologica.

L’obiettivo principale è prima di tutto prendere consapevolezza dell’importanza di questi muscoli, così da poter iniziare un percorso volto a migliorare il benessere sia fisico che psicologico. Si passa dunque alle tecniche riabilitative per rinforzare la muscolatura del pavimento pelvico quali:

BIOFEEDBACK: consente al paziente di acquisire un maggior controllo e consapevolezza delle contrazioni dei muscoli del piano perineale. I movimenti di contrazione e rilassamento sono tradotti in segnali visivi permettendo al paziente una corretta esecuzione ed una più efficace memorizzazione.

STIMOLAZIONE ELETTRICA FUNZIONALE: Tecnica rieducativa che consiste nell’applicazione di stimoli elettrici ai muscoli perineali con il fine di migliorare l’attività. Può essere impegnata anche a scopo antalgico.

FISIOCHINESITERAPIA: Impiega esercizi attivi per tonificare e rinforzare la muscolatura perineale. L’esecuzione costante di esercizi di contrazione/rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico restituisce una maggiore consapevolezza e rinforza il sostegno degli organi pelvici.

In conclusione un programma di riabilitazione pelvica ha avuto un alto tasso di successo soggettivo auto-riportato e dovrebbe essere considerato un’opzione di trattamento non chirurgico nei pazienti con disfunzione del pavimento pelvico.

BIBLIOGRAFIA

1.Pedraza, R., Nieto, J., Ibarra, S., & Haas, E. M. (2014). Pelvic muscle rehabilitation: a standardized protocol for pelvic floor dysfunctionAdvances in urology2014, 4

2.Schmitt, J. J., Singh, R., Weaver, A. L., Mara, K. C., Harvey-Springer, R. R., Fick, F. R., & Occhino, J. A. (2017). Prospective Outcomes of a Pelvic Floor Rehabilitation Program Including Vaginal Electrogalvanic Stimulation for Urinary, Defecatory, and Pelvic Pain SymptomsFemale pelvic medicine & reconstructive surgery23(2), 108–113. https://doi.org/10.1097/SPV.0000000000000371